Crea sito

22 gennaio 2008 – Muore una leggenda della resistenza,il partigiano Bulow

22 gennaio 2008 – Muore una leggenda della resistenza,il partigiano Bulow

“Abbiamo combattuto per la libertà di tutti; per chi era con noi, per chi non c’era ed anche per chi era contro. Tutti i morti meritano rispetto ma non si possono confondere i combattenti della libertà e quanti scelsero la dittatura.”

 

22 gennaio 2008 : muore una LEGGENDA della Resistenza, il Comandante ARRIGO “BULOW” BOLDRINI, prima Medaglia d’Oro al valor militare della Resistenza e pluridecorato dall’Italia e da altri Stati combattenti contro il nazifascismo:Nato a Ravenna il 6 settembre 1915, morto nella stessa città il 22 gennaio 2008, Presidente onorario dell’ANPI, prima Medaglia d’Oro al valor militare della Resistenza e pluridecorato dall’Italia e da altri Stati combattenti contro il nazifascismo.

Le operazioni belliche erano ancora in corso quando, il 4 febbraio 1945, il generale Mac Creery, comandante dell’VIII Armata, appuntò sul petto del “comandante Bulow” (questo il nome di battaglia di Boldrini) la Medaglia d’oro al valore militare. La cerimonia si svolse sulla piazza di Ravenna, liberata proprio dalle formazioni di Bulow che, da quel momento, si sarebbero aggregate alle armate anglo-americane sino alla resa totale dei nazifascisti. Boldrini fu decorato perché ideatore e guida esecutiva del piano operativo militare che portò alla liberazione di Ravenna, evitando alla città distruzioni e bombardamenti, che avrebbero causato gravi pericoli anche al suo enorme patrimonio artistico, oltre che alla popolazione civile.

Impossibile dire di Boldrini in poche righe, a cominciare dall’educazione all’amore per la libertà ricevuta dal padre – popolare figura di internazionalista romagnolo – sino alle sue gesta nella Resistenza e all’attività politica e parlamentare nel dopoguerra. Ci hanno provato Silvia Saporelli e Fausto Pullano in un bel documentario presentato il 6 ottobre 1999 nella sala Zuccari di Palazzo Giustiniani. Erano presenti i Presidenti di Camera e Senato e seduto in prima fila c’era proprio “Bulow”. “Un uomo di pace che – sottolineò in quell’occasione l’allora Presidente Mancino – ha sempre onorato la Patria, il Parlamento e la sua parte politica”. Lo ha evidenziato anche Cesare De Simone, nel suo libro Gli anni di Bulow”.

Eletto al primo Parlamento democratico nel 1945 (la Consulta Nazionale) poi alla Costituente, quindi al Parlamento italiano (del quale fu Vice Presidente dal 1968 al 1976) fino al 1994 (anno del suo volontario ritiro), Boldrini ha ricoperto nell’ ANPI, per oltre 60 anni, la carica di Presidente Nazionale così come nella Fondazione CVL (Corpo Volontari della Libertà) dal 1991 al 2008.

Scrisse a suo tempo Gian Carlo Pajetta:
“È un eroe. Non è il soldato che ha compiuto un giorno un atto disperato, supremo, di valore. Non è un ufficiale che ha avuto un’idea geniale in una battaglia decisiva. È il compagno che ha fatto giorno per giorno il suo lavoro, il suo dovere; il partigiano che ha messo insieme il distaccamento, ne ha fatto una brigata, ha trovato le armi, ha raccolto gli uomini, li ha condotti, li conduce al fuoco”.

 

Riuscì a realizzare un’esperienza quasi unica di lotta partigiana in pianura conquistando con i suoi partigiani il sostegno di centinaia di famiglie contadine, di operai, braccianti, settori del ceto medio urbano, gruppi di studenti ed intellettuali, alcuni sacerdoti e tanti ex militari. Uomo di provata moderazione, fu sempre impegnato a porre freni agli eccessi d’ogni genere in guerra e nella vicenda politica post-bellica. Reiteratamente accusato da ambigui detrattori di qualche responsabilità in una tragica vicenda di fine guerra, non venne mai soggetto ad alcun procedimento giudiziario perché estraneo a queste illazioni. Così come mai venne coinvolto per fatti post-bellici.

Fu membro dell’Unione Europea Occidentale e pieno sostenitore della coesistenza pacifica, dell’integrazione europea oltre che dello sviluppo della democrazia e delle libertà in Italia, in tutta Europa ed in quei Paesi oppressi da regimi dittatoriali e coloniali. Nel corso della sua lunga esperienza parlamentare si batté sempre per l’applicazione della Costituzione, difendendola in più fasi come ai tempi della grave crisi politico-istituzionale del 1960, del cosiddetto tentativo di colpo di Stato del 1964 e del terrorismo politico degli anni ’70 e ’80. Esperto apprezzato di questioni militari ed internazionali, quale membro delle Commissioni Difesa di Camera e Senato (della quale fu anche Vice Presidente) fu sempre molto attivo ed operoso nella democratizzazione di tutte le istituzioni della difesa, militari e civili, e per la loro razionalizzazione (dalla riduzione della ferma, alla riforma dei servizi segreti ecc.).

Fu insomma uomo di punta e di frontiera democratica, “uno dei fondatori riconosciuti della Repubblica, dedito alla causa della libertà e dell’indipendenza nazionale” (come è stato detto durante la celebrazione di Boldrini al Senato e alla Camera dei Deputati).Al 14° Congresso nazionale dell’ANPI – che si è tenuto a Chianciano Terme dal 24 al 26 febbraio 2006 – per la prima volta dalla costituzione dell’Associazione che ha sempre guidato, non era presente. Motivi di salute gli hanno impedito di partecipare all’assemblea che lo ha acclamato Presidente onorario. Presidente è poi stato eletto Tino Casali, già Vice Presidente Vicario.

Tra i tanti messaggi di cordoglio – molti quelli istituzionali – pervenuti al figlio di Bulow, va ricordato quello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano:
“Arrigo Boldrini, il coraggioso ‘comandante Bulow’ della Resistenza, diede continuità ai valori e agli ideali della lotta di liberazione dal nazifascismo, partecipando con appassionato impegno ai lavori dell’Assemblea Costituente e quindi del Parlamento in numerose legislature, sempre ispirandosi alla piena affermazione dei principi e dei valori sanciti dalla Carta fondamentale della Repubblica. In questo triste momento vorrei ricordare anzitutto l’amico sincero, dal tratto umano sensibile e aperto, con cui ho condiviso importanti momenti di comune impegno democratico. E rappresentare la gratitudine dell’intero paese per il prezioso patrimonio di dedizione alla causa della libertà”.

Il testamento ideale di “Bulow” può essere riassunto con le sue stesse parole:
“Abbiamo combattuto per la libertà di tutti; per chi era con noi, per chi non c’era ed anche per chi era contro. Tutti i morti meritano rispetto ma non si possono confondere i combattenti della libertà e quanti scelsero la dittatura”.Nell’ottobre 2008 è stato ristampato il suo originale diario di guerra dal titolo Il diario di Bulow edito da Odradek .Il Diario di Bulow 

Motivazione della Medaglia d’Oro conferita ad Arrigo Boldrini:

“Ufficiale animato da altissimo entusiasmo e dotato di eccezionale capacità organizzativa, costituiva in territorio italiano occupato dai tedeschi due brigate di patrioti che guidava per più mesi in rischiose e sanguinose azioni di guerriglia. Nell’imminenza dell’offensiva alleata nella zona, sosteneva alla testa del propri uomini e per più giorni consecutivi, duri combattimenti contro forti presidi tedeschi, agevolando così il compito delle armate alleate. Successivamente, con arditissima azione, costringeva il nemico ad abbandonare un’importante località portuale adriatica che occupava per primo. Benché violentemente contrattaccato da forze corazzate tedesche e ferito, manteneva le posizioni conquistate, contrastando con inesauribile tenacia la pressione avversaria. Si univa quindi con i propri uomini alle armate anglo-americane, con le quali continuava la lotta per la liberazione della Patria”.

La medaglia venne conferita a Boldrini durante le operazioni belliche, in una grande manifestazione pubblica sulla piazza di Ravenna, personalmente dal generale Mac Creery, comandante dell’VIII Armata, il 4.2.1945.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.