Crea sito

23 Giugno 1980 – Il magistrato antifascista “Mario Amato” viene trucidato dai Nar

23 Giugno 1980 – Il magistrato antifascista “Mario Amato” viene trucidato dai Nar
La sua morte, questo è il giudizio subito emerso, deve bloccare l’indagine giudiziaria sul terrorismo di destra:

Romano, sposato, con un figlio, viene ucciso il 23 giugno 1980. I terroristi gli sparano in viale Ionio, mentre è in attesa dell’autobus che deve portarlo al Palazzo di Giustizia. Amato è titolare di tutte le inchieste sull’eversione nera a Roma e nel Lazio. La sua morte, questo è il giudizio subito emerso, deve bloccare l’indagine giudiziaria sul terrorismo di destra.Il magistrato, 36 anni, era arrivato alla procura nel 1977 e aveva ereditato i fascicoli del giudice che prima di lui si occupava di terrorismo nero: Vittorio Occorsio, (ucciso il 10 luglio 1976 dal neofascista Pierluigi Concutelli).

Amato è il primo magistrato, dopo Occorsio, a tentare una lettura globale del terrorismo nero: «attraverso i parziali successi delle indagini su singoli episodi terroristici ‘ dice davanti al CSM 10 giorni prima di essere ucciso ‘ sto arrivando alla visione di una verità d’assieme, coinvolgente responsabilità ben più gravi di quelle stesse degli esecutori materiali degli atti criminosi».Ma Amato è lasciato solo a svolgere queste indagini, isolato dai suoi superiori e oggetto di continui attacchi da parte del collega giudice Antonio Alibrandi (padre del NAR Alessandro Alibrandi, fedelissimo di Fioravanti).Amato riesce comunque a ricostruire le connessioni tra destra eversiva e ‘Banda della Magliana’, intuisce i legami tra sottobosco finanziario, economico e potere pubblico.

 

«L’ambiente della destra romana ‘ afferma ‘ ha legami e diramazioni dappertutto».

Aveva scoperto, tra l’altro, che i NAR cercavano un’alleanza con gli estremisti di sinistra (come auspicava da anni Franco Freda, teorico dell’alleanza tattica con il terrorismo di opposto colore e a quel tempo sotto processo per la strage di Piazza Fontana), che si erano organizzati alla stregua delle BR e stavano diventando pericolosissimi.Poche settimane prima della Strage di Bologna, Amato viene ucciso a Roma dai terroristi Gilberto Cavallini e Luigi Ciavardini, mentre i mandanti di questo omicidio, Mambro e Fioravanti, sono a Treviso, dove fanno di tutto per farsi notare in modo da costruirsi un alibi, secondo un piano abilmente architettato.

Ricevuta la notizia dell’avvenuto omicidio, Mambro e Fioravanti festeggiano a ostriche e champagne e stilano il volantino di rivendicazione: «oggi Amato ha chiuso la sua squallida esistenza imbottito di piombo».Il sostituto procuratore viene trucidato alle 8.05, mentre ad una fermata attende l’autobus per recarsi a lavoro.Dopo l’omicidio i fotografi scattano foto impietose, che del magistrato ritraggono, in primo piano, le suole delle scarpe bucate.

A chi lo aveva ucciso, che a quel tempo pranzava spesso in rinomati ristoranti e alloggiava in lussuosi alberghi grazie ai proventi delle rapine, la vita così onesta ed umile di quel magistrato serio e coraggioso doveva sembrare davvero squallida.
Con Amato svanisce anche la possibilità di impedire la Strage di Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.