Crea sito

25 marzo 1944-Muore eroicamente in combattimento il partigiano”Attilio Musati”

25 marzo 1944-Muore eroicamente in combattimento il partigiano”Attilio Musati”

“I fascisti, che per quasi tutta la notte avevano continuato a sparare ma non avevano osato inseguirlo, trovarono il cadavere di Musati il mattino dopo. Lo legarono per un piede, lo portarono in giro per la città e poi lo scaricarono sul viale principale di Varallo, impedendo a chiunque di avvicinarsi. Solo la madre, nonostante le minacce, si avvicinò al figlio e rimase tre giorni per strada a fianco del corpo senza vita di Attilio.”

Nato a Roccapietra presso Varallo (Vercelli) nel 1918, caduto a Varallo il 25 marzo 1944, sergente maggiore dell’Esercito, Medaglia d’Argento al Valor Militare alla memoria.L’8 settembre 1943 Attilio Musati e suo cugino Clemente (sottotenente di aviazione negli aerosiluranti, nel 1944 deportato in Germania e lì morto in un campo di sterminio), non ebbero dubbi su “da che parte stare”.Subito dopo l’armistizio, infatti, organizzarono a Varallo un distaccamento partigiano formato da civili antifascisti e da soldati sbandati.Quello di Musati fu tra primi gruppi armati della Valsesia e già nel dicembre del 1943 partecipò, a Camasco, ad un famoso scontro con l’appena organizzato esercito repubblichino.

La temerarietà di Attilio Musati non gli permise, purtroppo, di militare a lungo nella Resistenza.

Il 24 marzo del 1944, Attilio Musati venne a sapere (lo aveva informato proprio sua madre) che i tedeschi avevano attrezzato una postazione in una piccola piazza di Varallo, di fronte all’ospedale, e che al centro vi avevano piazzato una mitragliatrice pesante Breda.Musati decise di impossessarsi dell’arma e la notte stessa, in pantofole per non far rumore, andò da solo all’attacco della postazione. Passando per i giardini pubblici, si avvicinò all’obiettivo e con due bombe a mano neutralizzò mitragliere e serventi; ma, mentre stava impossessandosi dell’arma, fu inquadrato da un potente riflettore e preso d’infilata da raffiche di mitra. Colpito, riuscì ad allontanarsi strisciando e lanciando altre bombe.

Morì dissanguato, negli stessi giardini che aveva appena attraversato.

I fascisti, che per quasi tutta la notte avevano continuato a sparare ma non avevano osato inseguirlo, trovarono il cadavere di Musati il mattino dopo. Lo legarono per un piede, lo portarono in giro per la città e poi lo scaricarono sul viale principale di Varallo, impedendo a chiunque di avvicinarsi. Solo la madre, nonostante le minacce, si avvicinò al figlio e rimase tre giorni per strada a fianco del corpo senza vita di Attilio.Ai cugini Musati, nell’estate del 1944, fu intitolata la 84ª Brigata Garibaldi, costituita per affrontare azioni di guerra particolarmente rischiose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.