Crea sito

6 Gennaio 1945, i fascisti fucilano Tullio di Parti.Aveva solo 16 anni

Nato a Milano il 30.8.1928. Appartenente alla 120a Brigata Garibaldi Sap.
Il Fronte della Gioventù, di Eugenio Curiel, durante la guerra di liberazione ha svolto una attività che consisteva, nel lancio di volantini antifascisti nei teatri e nei cinema, nei mercati ambulanti, davanti alle scuole e alle università, fuori dalle fabbriche all’uscita degli operai, e sul sagrato delle chiese, al termine della messa. Era composto da giovani antifascisti che partecipavano anche, come “pali”, alle azioni di disarmo dei fascisti, compiute da squadre partigiane durante il coprifuoco notturno. E, in alcuni casi, ha effettuato anche azioni “in prima persona” come quella che ha avuto un tragico epilogo il 14 gennaio 1944 al campo Giuriati.


Il 5 gennaio 1945, quattro di loro: Giuseppe Bodra, Tullio Di Parti, Orazio Maron e Giancarlo Tonissi vennero arrestati durante il lancio di volantini al Cinema Pace, in corso Buenos Aires 37. Furono sottoposti a tortura e all’alba del 6 gennaio, la polizia azzurra, dell’Aeronautica di piazza Novelli, li ha fucilati in via Botticelli angolo via Colombo e ha lasciato i loro corpi abbandonati nella neve. A ricordo di quel sacrificio sul luogo dell’esecuzione è stata apposta una lapide che li commemora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.