Crea sito

9 settembre 1944 :L’eccidio di Seborga

“…Trascinati sul piazzale situtato all’ingresso del paese, vengono torturati, massacrati a bastonate e poi fucilati. Tolte loro le scarpe, col calcio del fucile i corpi esamini venivano gettati nella scarpata sottostante.”

Il giorno 9 settembre 1944 il piccolo centro di Seborga, nell’entroterra di Bordighera, subisce un duro rastrellamento ad opera delle forze tedesche. All’alba il paese si trova sotto il fuoco delle artiglierie (i tedeschi avevano portato due cannoni da 70 mm sulla strada provinciale) numerose case rimangono gravemente danneggiate (da lettera del 3.09.1945 del Comune di Seborga risultano danneggiati n. 35 fabbricati), cinque persone sfollate trovano la morte sotto le macerie dell’edificio scolastico colpito in pieno. Si tratta dei componenti della famiglia Mannucci: Olga, Vittoria, Remo, Marcella e Margherita Rossacci. I tedeschi occupano tutto il paese dando ordine alla popolazione di portarsi saulla strada provinciale per un controllo. Il povero Maccario Antonio, ex cantoniere, che non fece in tempo ad eseguire l’ordine, fu freddato con una fucilata.

Vengono catturati cinque giovani partigiani di cui due ragazze.
Trascinati sul piazzale situtato all’ingresso del paese, vengono torturati, massacrati a bastonate e poi fucillati. Tolte loro le scarpe, col calcio del fucile i corpi esamini venivano gettati nella scarpata sottostante.
Le due ragazze Manassero Gioconda e Carmen, prima di morire, avevano espresso il desiderio di essere fucilate strettamente abbracciate insieme; ciò fu loro concesso dal comandante del ploteone di esecuzione. Caddero e rimasero strettamente abbracciate anche nella morte.
Appena i tedeschi si allontanarono, la popolazione raccolse i cinque corpi trasportandoli nella camerta mortuaria e poiu a Bordighera.
Del partigiano Valle Emilio scomaparso durante il rastellamento, non si saprà più nullae sarà datocome disperso.

Elenco delle vittime decedute
Catelani Flaminio, “Famino” (nome di battaglia) di n.n., nato a Modena il 24702/1924, anni 20, manovale, partigiano (II divisione V brigata) dal 1/07/1944 al 11/09/1944, n° dich integrativa 3223- fucilato 9.09.1944
Maccario Antonio fu GioBattista – civile – cantoniere – fucilato il 9.09.1944
Manassero Gioconda, “Giò” (nome di battaglia) fu Stefano, nata a Callao (Perù) il 31/12/1926, anni 17, casalinga, partigiana (II divisione V brigata) dal 2/08/1944 al 09/09/1944, n° dich integrativa 12369 – fucilata il 9-09-1944
Manassero Carmen “Cita” (nome di battaglia) fu Stefano, nata a Calao (Perù) il 17/04/1925, anni 19, casalinga, partigiana (II divisione V brigata), dal 2/08/1944 al 09/09/1944, n° dich integrativa 12370 – fucilata il 9.09.1944
Mannucci Marcella di Remo – civile – deceduta sotto le macerie a causa rastrellamento delle forze tedesche del 9-09.1944
Mannucci Olga di Remo – civile – deceduta sotto le macerie a causa rastrellamento delle forze tedesche del 9-09.1944
Mannucci Remo di Bruno – civile – deceduto sotto le macerie a causa rastrellamento delle forze tedesche del 9-09.1944
Mannucci Vittorio di Remo – civile – deceduto sotto le macerie a causa rastrellamento delle forze tedesche del 9-09.1944
Miranda F.Abdon “Tinico” (nome di battaglia) di Abdon, nato a Callao (Perù) il 28/11/1914, anni 29, partigiano (II divisione V brigata), dal 2/08/1944 al 09/09/1944, n° dich integrativa 12368 – fucilato il 9.09.1944
Rossacci Margherita fu Ettore – – civile – deceduta sotto le macerie a causa rastrellamento delle forze tedesche del 9-09.1944
Tomasi Umberto”Muciacio” (nome di battaglia) di Carlo, nato a Rovereto il 13/02/1920, anni 20, partigiano (II divisione V brigata), dal 2/08/1944 al 09/09/1944, n° dich integrativa 19393 – fucilato il 9.09.1944
Altre note sulle vittime:
Partigiani uccisi in combattimento contestualmente all’episodio:
Valle Emilio “Emilio” (nome di battaglia) fu Andrea nato a Trento il 20/05/1921, anni 23, partigiano (II divisione V brigata), dal 1/08/1944 al 09/09/1944, n° dich integrativa 19392 – disperso in seguito a rastrellamento avvenuto a Seborga il 9.09.1944

Responsabili
TEDESCHI
Reparto (divisione, reggimento, battaglione, corpo di appartenenza, ecc.)
Guardie confinarie tedesche, Marina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.