Crea sito

Brescia 28 Maggio 1974 : La strage di Piazza della Loggia

Brescia 28 Maggio 1974 : La strage di Piazza della Loggia

ll 28 maggio 1974, a Brescia scoppiò una bomba in piazza della Loggia, durante il comizio finale di una manifestazione antifascista. Morirono otto persone, 102 rimasero ferite.

Fu l’inizio di una lunga, tortuosa, faticosissima storia di indagini e processi, tutti terminati senza condanne fino al 2014, quando la Corte di cassazione annullò le assoluzioni di Carlo Maria Maggi, il capo della cellula veneta di Ordine nuovo, e del giovane ordinovista Tramonte.

Nuovo processo d’appello a Milano, che nel 2015 condanna i due e conferma che quella di Brescia è una strage “sicuramente riconducibile” alla destra eversiva. Nella notte del 20 giugno 2017, la Cassazione rigetta l’ultimo ricorso dei due imputati e rende definitive le condanne: per entrambi è ergastolo.

Il giudice istruttore Domenico Vino e il pm Francesco Trovato nel 1979 ottennero una sentenza di condanna per i fascisti Ermanno Buzzi (ergastolo) e Angelino Papa (10 anni). Poi Buzzi, alla vigilia dell’appello, fu strangolato in carcere da due terroristi neri del calibro di Mario Tuti e Pierluigi Concutelli, che così evitarono il rischio che “l’infame”, “il pederasta” potesse raccontare quello che sapeva nel processo di secondo grado, che poi assolse Papa e gli altri imputati minori.

 

La Cassazione annullò le assoluzioni e dispose un nuovo processo per gli imputati Nando Ferrari, Marco De Amici e i fratelli Angelino e Raffaele Papa; ma nel 1985 la Corte d’assise d’appello di Venezia assolse tutti gli imputati e la Cassazione rese definitiva la sentenza.

Nel 1984, intanto, era iniziata una seconda inchiesta, sulla “pista milanese”, che per i magistrati poteva essere non alternativa ma complementare a quella bresciana. Il giudice istruttore Gianpaolo Zorzi aveva messo sotto indagine il fascista Cesare Ferri e due suoi camerati, Alessandro Stepanoff e Sergio Latini. Nel 1987, i tre sono assolti per insufficienza di prove. In appello, assoluzione con formula piena. Due anni dopo, in Cassazione, il giudice Corrado Carnevale conferma e rende definitive le assoluzioni senza neppure guardare gli atti processuali.

Il processo giunto all’ultimo atto nel giugno 2017 nasce dalla terza inchiesta, sulla “pista veneta”, condotta dai magistrati Roberto Di Martino e Francesco Piantoni. Imputati Carlo Maria Maggi, il capo di Ordine nuovo a Venezia, e il suo “soldato” Delfo Zorzi, che intanto erano stati messi sotto processo anche per la bomba di piazza Fontana a Milano, dopo una meticolosa inchiesta del giudice Guido Salvini.

A Brescia sono imputati anche il generale dei carabinieri Francesco Delfino, il fondatore di Ordine nuovo ed ex segretario dell’Msi Pino Rauti e l’informatore dei servizi segreti Maurizio Tramonte. Nel 2010, tutti assolti per insufficienza di prove. Sentenza confermata due anni dopo in appello. Nel 2014, però, la Cassazione conferma l’assoluzione di Zorzi, ma annulla quelle di Maggi e Tramonte. Nuovo processo d’appello a Milano, che nel 2015 condanna i due e conferma che quella di Brescia è una strage “sicuramente riconducibile” alla destra eversiva.

Ora, 45 anni dopo la bomba di piazza della Loggia, è stata messa la parola fine sull’ultimo processo

 Tenuto due anni fa nel quale  si è tentato di dare un nome e un volto ai protagonisti di quella stagione nera degli anni Sessanta e Settanta in cui una guerra segreta è stata combattuta in Italia, terra di confine di un mondo diviso in blocchi. I processi fin qui celebrati avevano stabilito l’impossibilità di accertare le responsabilità penali individuali delle stragi, da piazza Fontana (1969) alla stazione di Gioia Tauro (1970), dalla questura di Milano (1973) all’Italicus (1974).

Restano comunque un paio di certezze storiche: le stragi della “strategia della tensione” sono state materialmente eseguite da gruppi neofascisti; e gli apparati dello Stato hanno depistato le indagini e sottratto prove e testimoni, in nome della guerra al comunismo, combattuta con eserciti segreti e segretissimi accordi internazionali. Lo hanno confermato finora perfino le stesse sentenze di assoluzione. E ora la Cassazione ha deciso sull’ultimo appello della storia: le stragi sono nere, i servizi sapevano e depistavano, e almeno due nomi dei responsabili li conosciamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.