Crea sito

Roma,50 attivisti della rete restiamo umani si incatena davanti al ministero delle infrastrutture

Recitava così lo striscione dietro al quale mercoledì 11 luglio, una cinquantina di attivisti della rete Restiamo Umani – che raccoglie diverse associazioni che si battono per la difesa dei diritti umani – si sono incatenati alla scalinata di ingresso del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in via Nomentana. Indosso, giubbotti di salvataggio e salvagenti. Sui cartelli, le scritte “Obbligo di soccorso”, “Diritti annegati”, “Umani”.

Continua a leggere