Crea sito

Florida: la Polizia ammanetta un bambino di otto anni e lo porta in una prigione per adulti.

Prova a mettergli le manette, ma i polsi e le mani del bambino sono troppo piccole. Così l’agente ci rinuncia e conduce il bimbo di otto anni fuori dalla scuola verso la volante della polizia. Il filmato è stato ripreso da una bodycam e risale al dicembre 2018, ma è stato diffuso sui social network domenica notte dall’avvocato esperto di diritti civili Ben Crump, che lo ha postato sul suo account Twitter. Il video che conta già 2,3 milioni di visualizzazioni mostra quello che è successo in una scuola a Key West, Florida, Stati Uniti.

Dopo aver condotto alla porta il ragazzino, il poliziotto che aveva provato a
mettergli le manette esclama: “Mi dispiace, mi hai messo nella situazione di dover fare questa cosa. Hai fatto un errore, ora è tempo di imparare e crescere, non ripetere più quello che hai fatto”.

Come ricorda Abc news, che cita un verbale dell’arresto, sembra che il bambino sia stato arrestato il 14 dicembre del 2018 dopo aver colpito un insegnante della Gerald Adams Elementary. L’insegnante avrebbe chiesto al bambino di “sedersi nel modo corretto” ma lui si sarebbe ripetutamente opposto. Quando la maestra si è poi avvicinata al ragazzino per convincerlo a sedersi accanto a lei, lui avrebbe detto: “Non mettermi le mani addosso”, insultandola. Poi, le avrebbe dato un pugno nel petto.

Contattati da Nbc, il capo del dipartimento di polizia di Key West Sean T. Brandenburg ha detto che “sono state seguite le procedure standard”.

Nel suo tweet, l’avvocato Ben Crump ricorda che il ragazzino di otto anni ha delle disabilità. E così critica la polizia di Key West commentando l’arresto come “incredibile”, perché “gli agenti hanno pensato fosse appropriato ammanettare e trasportare il bambino in una prigione per adulti per processarlo. Era così piccolo che le manette non gli andavano ai polsi”.

Il video è stato molto commentato sui social network e gli utenti hanno risposto al tweet di Crump criticando sia gli agenti che lo staff della scuola per aver coinvolto la polizia.

In un comunicato ufficiale diffuso su twitter, l’avvocato Ben Crump “incaricato di rappresentare la famiglia del ragazzo disabile di 8 anni arrestato dalla Polizia di Key West” spiega che insieme al collega Devon Jacob “faranno causa contro gli agenti, i responsabili della scuola, la città di Key West e il Monroe County School Discrict” dopo che il bambino è stato accusato di “aggressione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.