Crea sito

La mafia attacca gli scout siciliani, vandalizzata la sede di Belpasso

La mafia sta prendendo sul serio la lotta che gli scout siciliani le stanno facendo. E il segnale è l’ennesimo attacco alle loro sedi. Dopo Marsala, Mineo e Ramacca ieri è toccato a Belpasso, dove la sede del Gruppo Agesci Belpasso II è stata vandalizzata.

È stato il capo scout Domenico Rapisarda a ricevere una telefonata da un passate che era in zona e che gli ha riferito dei danni. A raccontare tutto è L’Avvenire: “Giunto sul posto, ha trovato un grosso foro in un muro, attraverso il quale qualcuno è entrato all’interno della struttura per distruggere i sanitari, portare via la rubinetteria, per divellere ed asportare gli infissi e i fili della luce”.

In Sicilia continuano le intimidazioni nei confronti degli scout, con una frequenza che sta diventando allarmante. Per la terza volta in soli 4 mesi una sede scout è stata “visitata” dai soliti ignoti. Dopo quelle del Marsala 2 (ottobre 2019) e del Catania 5 (novembre 2019), questa volta è toccato alla sede “Falco Pellegrino” del Gruppo Scout Ramacca 1 (Catania). Anche in questo caso si tratta di un bene confiscato alla mafia, assegnato agli scout e divenuto un presidio di legalità. Inaugurata il 9 marzo 2013 (https://www.youtube.com/watch?v=i9_kKMecLw8) dopo appena 12 giorni (24 marzo) la base era già stata vandalizzata (vedi qui: https://tinyurl.com/w3oynp2).

 


Ancora oggi come allora, la risposta è “non importa quante volte ci deruberete. Con l’aiuto di Dio saremo pronti a ricominciare”. Ma insieme a quello di Dio occorre l’aiuto e la solidarietà delle autorità, delle istituzioni, delle associazioni, della cittadinanza, dei genitori… e della fratellanza scout italiana. La lotta è dura, ma insieme si può. ⚜️💪
#ungiornoinpiù #resistere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.